Barack Obama e l’islam, equazione complessa

L‘elezione di Barack Hussein Obama ha sollevato un vento di speranza negli Stati Uniti d’America, ma anche nel mondo musulmano, dove gli Stati Uniti  si trovano impegnati su più fronti dagli attacchi dell’11 settembre 2001. Barack Obama arriva al potere con quattro principali vantaggi: il fatto di succedere al presidente George W. Bush, può soltanto servirgli di parametro comparativo positivo; … Continua a leggere

Barack Hussein Obama vs John McCain … Our Moment is Now?

I commentatori politici conservatori, negli Stati Uniti, si soddisfanno a fare l’elenco delle ragioni per le quali il candidato repubblicano non avrebbe, secondo loro, alcuna possibilità di vincere l’elezione presidenziale: un presidente uscente al vertice dell’impopolarità, George W. Bush, nove americani su dieci insoddisfatti nel modo in cui le cose avvengono a livello socio-economico nel loro paese, un partito repubblicano … Continua a leggere

Insurrezione high-tech in Corea del Sud

Sono tutti pazzi questi sud coreani. Da due mesi e mezzo, la vita politica ed il centro di Seoul, capitale della Corea del Sud, sono paralizzati da un affare di carne. Di carne? Non proprio. Visto da lontano, il fatto è che si assomiglia. Visto da più vicino, questa Jacquerie dei tempi moderni offre un esempio della maniera nella quale … Continua a leggere

La follia di grandezza del re di Tonga

Nel prossimo 1° di agosto, il re George Tupou V sarà coronato alle isole Tonga, ex protettorato britannico dal 1900 al 1970. Se l’establishment ne è felice, la popolazione è piuttosto preoccupata. La cerimonia dovrebbe costare un terzo dell’annuale aiuto economico versato all’arcipelago. L’incoronazione di George Tupou V, promette di essere la festa del secolo, ma sono i poveri cittadini … Continua a leggere

Darfur, fiasco in vista per la missione dell’ONU

Mancanza di materiale, continue divisioni interne, totale impotenza: i caschi blu (militari per il mantenimento della pace dell’ONU) impegnati dall’inizio dell’anno, infatti, sei mesi dopo il lancio dall’ONU della sua più importante missione di mantenimento della pace, la più costosa e la più mediatizzata della storia – la spedizione di 26.000 caschi blu nel Darfur -, l’operazione non riesce ancora … Continua a leggere

Nicolas Sarkozy o la riforma nonostante tutto

Bisogna credere a Nicolas Sarkozy quando ripete ai suoi ellettori che dopo il 2012 vuole smettere di “fare il presidente” per praticare una professione che lo farebbe guadagnare “molti soldi?” Evidentemente no. Il progetto di revisione costituzionale, attualmente sotto esame al Parlamento francese, limita a due quinquennali la durata del mandato presidenziale. Questi dieci anni costituiscono l’orizzonte naturale di un … Continua a leggere

Crisi israeliana sospeso primo ministro Ehud Olmert

In piene negoziazioni con la Siria sul Golan e con le autorità palestinese, Israele si ritrova con un Primo ministro sospeso. Ehud Olmert non è stato incolpato, ma le accuse di corruzione formulate contro di lui sono tali che non si vede come potrebbe resistere a lungo. Le rivelazioni dell’uomo d’affari americano Morris Talansky sono a dire poco sconvolgenti: in … Continua a leggere