Un nuovo fronte nella guerra dei pagamenti P2P

google wallet,pagamenti p2p,internet,paypal,gmail,pagamento mobile,nfc,tecnologiaIl piano di Google di offrire una nuova modalità di pagamento basata su Gmail attraverso Google Wallet è una mossa audace, sicuramente destinata a creare scompiglio nel settore dei pagamenti P2P (person-to-person).

L’idea è quella di potenziare Google Wallet, al momento sotto-sfruttato, ottimizzando le potenzialità fornite dall’enorme base di utenti di Gmail.

google wallet,pagamenti p2p,internet,paypal,gmail,pagamento mobile,nfc,tecnologiaUna nuova funzionalità del servizio di posta elettronica della grande G, infatti, consente agli utenti Google Wallet di fare pagamenti P2P via mail. La tecnologia, al momento disponibile solo agli utenti desktop americani, è solo un elemento della sfaccettata strategia per infondere nuova vitalità in questo strumento di pagamento, sfruttando al massimo la piattaforma email, che costituisce il principale punto di forza. Il punto debole, al momento, è che per utilizzare questo meccanismo entrambi gli utenti devono avere un account Wallet.

Mentre Gmail è molto popolare, Google Wallet continua ad avere più difficoltà di accettazione, anche se la casa madre lo sta spingendo pesantemente ed ha abbandonato Google Checkout per favorirne il successo. Se il sistema dovesse prendere piede e diventare di utilizzo comune, si integrerebbe alla perfezione con gli altri strumenti che Google sta implementando per sostenerlo, incluso fare leva sulla popolarità del browser Chrome e sul sistema operativo mobile Android.

google wallet,pagamenti p2p,internet,paypal,gmail,pagamento mobile,nfc,tecnologiaAl momento – quantomeno in occidente – PayPal è l’indiscusso leader nei sistemi di pagamento e al suo esordio offriva proprio la facilitazione dei pagamenti P2P, senza tuttavia poter contare sulle dimensioni della base utenza di Gmail (425 milioni, secondo un post della stessa Google del giugno 2012).

Google dovrà affrontare la forte competizione di PayPal e di new entries come Square nel mercato dei pagamenti person-to-person, ma la possibilità di puntare agli utenti di Gmail con comunicazioni mirate e raccomandazioni del servizio potrebbe fornirgli una sostanziale opportunità per espandere rapidamente e con relativa facilità il servizio Google Wallet.

Approfondimento

google wallet,pagamenti p2p,internet,paypal,gmail,pagamento mobile,nfc,tecnologiaDocumento:The Changing Landscape of Mobile Payments“, (documento formato pdf in inglese) fonte n>genuity.

Documento:Applying recent secure element relay attack scenarios to the real world: Google Wallet Relay Attack”, (documento formato pdf in inglese) a cura di Michael Roland | NFC Research Lab Hagenberg – University of Applied Sciences Upper Austria.

Documento:A Comprehensive Study of Google Walletas an NFC Application“, (documento formato pdf in inglese) a cura di Omkar Ghag e Saket Hegde | Thadomal Shahani Engineering College India.

Documento:NYPAY Spotlight on Payments: May/June 2013“, (documento formato pdf in inglese) fonte Stratcom.  

Documento: “Square: The Simplest Way to Make Money”, (documento formato pdf in inglese) a cura di Elizabeth Cheng | Jing-Jing Li | Irwin Liu | Jessica Lukrich. 

Scritto: da Luis Batista

 

 

Il mondo della solidarietà, scienza, tecnologia, cultura, economia e della finanza e in particolare quello delle geo-politica ti affascinano e sei sempre alla ricerca di informazioni o di chiarimenti? Su Virgilio Genio trovi le risposte migliori e le persone più esperte per risolvere i tuoi quesiti.

 

 

Codice QR dell’articolo: Un nuovo fronte nella guerra dei pagamenti P2P.

QRCode

QR Code Generator / Info, Supporto & FAQ

 

 

 

Disclaimer

Originis Blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2001 e nella fattispecie non è sottoposto agli obblighi previsti dalla legge n° 47 dell’8 febbraio 1948.

L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti ad esso collegati.

Alcune, immagini e materiale multimediale in genere inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, si prega di comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimossi.


Un nuovo fronte nella guerra dei pagamenti P2Pultima modifica: 2013-07-02T19:21:00+00:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento